Fondazione Lavoratori Officine Galileo

MdP 2003

Home Su Evento Speciale

 

 

"Storie, Miti, Leggende"

 

Mercoledý 1 Ottobre                   Esclusiva Nazionale                        Auditorium Flog

"Maestri della musica classica persiana"
SHAJARIAN - ALIZADEH - KALHOR (Iran)
Mohammad Reza Shajarian, indiscusso maestro di musica classica persiana, Ŕ considerato una vera e propria leggenda vivente: la superba abilitÓ tecnica, lo stile vocale potente e una vasta conoscenza della poesia classica iraniana, ne hanno fatto un artista inarrivabile, uno dei pi¨ grandi interpreti del repertorio classico tradizionale, il radif. Il suo percorso professionale Ŕ stato in costante ascesa, sia in patria che all'estero, procurandogli fama mondiale fino a diventare un idolo tra i compatrioti ed un simbolo dell'identitÓ nazionale. La formazione che si presenterÓ a Musica dei Popoli comprenderÓ, oltre a Mohammad Reza Shajarian, Hossein Alizadeh, virtuoso dei liuti tar e setar, Kayhan Kalhor, uno degli interpreti pi¨ dotati di violino kamÔnche e infine, il figlio di Mohammad Reza, Homayoun Shajarian al tamburo zarb.

 

Venerdý 3 Ottobre                     Esclusiva Nazionale                         Auditorium Flog
 

WALDEMAR BASTOS (Angola)
"La mia musica sfiora il paradosso" dice Waldemar Bastos, "sono un musicista professionista che ha studiato appena la musica; un musicista africano che ha registrato il suo primo album in Sud America; un artista proveniente da un paese dilaniato dalla guerra che parla di pace e ottimismo; un cantante-compositore considerato la 'voce' dell'Angola nonostante viva in Portogallo".
Nato e cresciuto in Angola, Bastos ha vissuto sulla sua pelle le contraddizioni delle guerre che si sono succedute fin dai primi anni '60; rifiutandosi di diventare l'emblema musicale dei diversi partiti che lo reclamavano come proprio simpatizzante, ha preferito enfatizzare il valore della vita, la bellezza del mondo e il bisogno di speranza; la sua posizione 'indipendente' lo ha portato a chiedere asilo politico in Portogallo dove tuttora risiede. Nel suo percorso artistico figurano collaborazioni con artisti del calibro di Chico Buarque e Arto Lindsay.

 

Sabato 4 Ottobre                      Esclusiva Nazionale                         Auditorium Flog


LOKUA KANZA (R.D. Congo)
Lokua Kanza Ŕ nato a Bukavu, nella Repubblica Democratica del Congo (ex Za´re). Eclettico vocalist proveniente dall'ultima generazione dei cantanti africani, LOKUA KANZA Ŕ capace di amalgamare la rumba di Franco, il Funky di James Brown e l'Afro-beat di Fela Kuti; insieme alla formazione classico-popolare, ha sviluppato la passione per i ritmi vibranti della sua terra, amore condiviso con il musicista Ray Lema che per primo gli ha regalato una chitarra e con il quale ha inciso nel 1988 l'album "Bwana Zoulou Gang". Angelique Kidjo, Papa Wemba, Manu Dibango e ancora Ray Lema sono solo alcuni tra i nomi con cui ha collaborato, regalando emozioni e alchimie musicali contagiose, come si evince dal suo quarto Cd "Toyebi TŔ", vero capolavoro tra tradizione e sonoritÓ world music.

 

Venerdý 10 Ottobre                                                                         Auditorium Flog


"Acqua, foco e vento"
di Riccardo Tesi & Maurizio Geri
Un progetto "d'autore" che rilegge il repertorio dell'Appennino toscano, in particolare di quello pistoiese, attraverso una reinterpretazione assolutamente personale, Ŕ "Acqua, foco e vento" di RICCARDO TESI accompagnato da molti dei musicisti di Banditaliana, formazione con cui ha riscosso successi internazionali. Canti di lavoro, ottave rime, canti di questua, ballate, ninne nanne, sono il nucleo che l'organettista pistoiese pi¨ amato anche oltre confine, ha selezionato per raccontare il mondo sonoro tradizionale, la storia e le vicende dei suoi concittadini, confezionando uno spettacolo vitale quanto affascinante, da molti definito come "la migliore produzione di musica tradizionale italiana degli ultimi anni."
Per affrontare questo viaggio nella memoria musicale della Toscana "minore", ha scelto come compagno Maurizio Geri, giÓ complice in molti altri progetti, insieme al quale ha condiviso l'elaborazione, gli arrangiamenti e la direzione musicale.

Sabato 11 Ottobre                      Esclusiva Nazionale                       Auditorium Flog


"FESTIVAL del SËN e della RUMBA"
special guest: CARIDAD HIERREZUELO (Cuba)
Cuba non Ŕ solo sinonimo di Buena Vista Social Club: sulla scia dell'interesse mondiale risvegliato dagli inossidabili 'nonni', una lunga festa si preannuncia il "Festival del Sˇn e della Rumba", durante la quale si alterneranno sul palco 4 irresistibili formazioni cubane: CARLOS MANUEL CESPEDES, trovador di rara bravura, RUMBA & BAT┴, ritmi e canti afrocubani di ambito sacro (santerÝa) e profano (rumba), PROPOSISËN, quintetto vocale di Santiago, SONORA UNIVERSAL, 9 giovani talentuosi fanatici del ritmo e del ballo, a cui si aggiungerÓ CARIDAD HIEREZUELO, la gran diva del Sˇn con la sua potente voce nonostante i 79 anni suonati, una delle ultime grandi interpreti del Sˇn cubano.

Venerdý17 - Sabato 18 Ottobre     Esclusiva Nazionale      Limonaia di Villa Strozzi


"Wayang Sandosa"
TEATRO DELLE OMBRE DI GIAVA (Indonesia)
"WAYANG SANDOZA - TEATRO DELLE OMBRE DI GIAVA" Ŕ l'evento speciale targato TOSCANA MUSICHE che approda alla Limonaia di Villa Strozzi con il suo carico di marionette, luci, ombre e storie tratte dalle grandi epiche indiane: il Mahabharata e il Ramayana.
Il TEATRO DELLE OMBRE Ŕ una delle pi¨ antiche ed amate forme di teatro a Giava e a Bali. La compagnia di Blacius Subono comprende 3 marionettisti (dalang) che agiscono contemporaneamente accompagnati dall'orchestra gamelan, formata da 7 musicisti che con i loro gong e metallofoni, danno vita ad un'esibizione ricca di atmosfere magiche, un viaggio esotico tra eroi, figure mitiche, fiori, animali fantastici che non mancherÓ di affascinare grandi e piccini.
Il Wayang Sandosa Ŕ presentato per la prima volta in Europa, e in esclusiva italiana a Firenze, per MUSICA DEI POPOLI 2003; per l'occasione sarÓ allestito uno schermo con sottotitoli in Italiano.

 

Venerdý 24 Ottobre                                                                         Auditorium Flog


PEPPE BARRA (Italia)
La travolgente vocalitÓ e le camaleontiche capacitÓ espressive lo pongono tra i pi¨ acclamati interpreti della musica popolare napoletana nel mondo: PEPPE BARRA, sia che canti d'amore, di morte o di vita, pervade con ironia e sarcasmo tutti partenopei un repertorio cha spazia tra brani classici, opere personali o di autori a lui vicini. Mattatore assoluto di un affresco sonoro dal sapore passato e contemporaneo di tammurriate, poesie, liriche teatrali e musica tradizionale, BARRA, accompagnato da 5 strepitosi musicisti, sarÓ protagonista di una performance indimenticabile.

 

Sabato 25 Ottobre                   Esclusiva Nazionale                          Auditorium Flog


SOUNGALO COULIBAL╠ (Mali)
Il percussionista SOUNGALO COULIBALY Ŕ considerato a pieno titolo uno dei pi¨ grandi djembefolÓ, ossia 'suonatore di tamburo djembÚ', nonchÚ tamburo-maestro di fama mondiale ispirato dalla tradizione della sua terra, il Mali. La sua idea di innovazione non Ŕ data dall'uso di strumenti tradizionali africani suonati o sostituiti da strumenti moderni occidentali, non ama mescolare i repertori classici maliani con il Blues o il Rock, ma concentra la sua ricerca su nuovi linguaggi e sonoritÓ in accordo con la tradizione pi¨ pura. Definisce la sua musica "Flez Music", dall'impasto timbrico dato dal balafon (xilofono), la chitarra acustica, il n'goni (liuto) e le percussioni della tradizione mandinga, il tutto a costituire il sottofondo musicale per la straordinaria voce di Mariam Doumbia-DiakitÚ e per la kora del griot Siaka DiabatÚ, cantastorie di lunga tradizione familiare. Ospite dei pi¨ importanti festivals europei, ha suonato accanto ai pi¨ grandi artisti dell'Africa occidentale, da Manu Dibango a Mory Kante, da Khadja Nin a Doudou N'Diaye Rose.

 

Giovedý 30 Ottobre                  Esclusiva Nazionale                          Auditorium Flog


FANFARA CIOC┬RLIA (Romania)

L'origine delle brass band rumene, appartenenti alla tradizione musicale moldava, risale alle band militari turche (mehter). Le bande di ottoni e percussioni divennero popolari negli anni Quaranta, sostituendo progressivamente gli organici strumentali tradizionali di violini (lautÔri). L'occupazione ottomana dei Balcani ebbe una grande influenza sulle culture musicali locali che Ŕ possibile ascoltare nella musica che attraversa la Bulgaria, la Macedonia, la Serbia e la Romania. Non capita tutti i giorni di vedere un ensemble cosý affiatato che comprende ventenni e quasi settantenni; per non parlare del repertorio, vorticosamente in movimento tra Medio Oriente, Turchia, Serbia, Macedonia e Romania. La FANFARA CIOC┬RLIA proviene da Zece PrÔjini, cittadina della Regione moldava, nella parte nord orientale della Romania. Ioan Ivancea e la sua fanfara gitana ci offrono un brillante assaggio della potenza sonora che sono in grado di esprimere durante le lunghe feste moldave.


 
 

WEBMASTER:

atomomob.gif (7704 byte)

  FLOG   MultiMedia

 

Inviare a flogmm@tin.it un messaggio di posta elettronica contenente domande o commenti su questo sito web.