Fondazione Lavoratori Officine Galileo

PROGRAMMA

Home Su

 

 

STAGIONE   2017

 più di 20 ANNI di GRANDE MUSICA !

 

   

 

Gio. 2

 MATCH DI IMPROVVISAZIONE TEATRALE

Apertura 21.00 INGRESSO € 12 - POSTI A SEDERE

 

Ven. 3

FESTA AZIONE GAY & LESBICA – NECESSARIAMENTE è:
“ArmaGAYddon“ Folli danze, con MILLA STRULLA & MISSTAKE DJ’s

Apertura 23.00 10€ (rid.5€ soci AG&L)

 

Sab. 4

“Saturday Rock Fever” - JAMES SENESE e NAPOLI CENTRALE + DRELOVE Band in concerto.
JAMES SENESE è un artista che non ha bisogno di presentazioni. La sua musica, la sua storia personale, lo fanno per lui. In quasi cinquant’anni di musica, ha attraversato la canzone leggera italiana, il funk-jazz, il grande cantautorato. E’ una leggenda vivente, colui che ha dato uno dei primi ingaggi all’indimenticabile Pino Daniele, con il quale collaborerà e sarà unito da vera amicizia sino al suo ultimo giorno.
I Napoli Centrale, di cui il grande sassofonista e cantante "nero a metà" è il leader e fondatore, rappresenta uno dei gruppi più importanti del panorama musicale, degli e dagli anni ’70 e ‘80 in Italia. Il loro suono è riuscito a miscelare la melodia della tradizione popolare napoletana alle più innovative e sperimentali sonorità jazz-rock, in una fusione che è stata una vera rivoluzione. JAMES SENESE riassume così il suo approccio alla musica: "Sono nato nero e suono il sax tenore e soprano, lo suono a metà strada tra Napoli e il Bronx, studio Coltrane, dalla mattina alla sera, sono innamorato di Miles Davis, dei Weather Report e in più ho sempre creato istintivamente, cercando di trovare un mio personale linguaggio, non copiando mai nessuno. Il mio sax porta le cicatrici della gioia e del dolore della vita".
La formazione attuale di NAPOLI CENTRALE è straordinaria, e vede JAMES SENESE alla voce e sax, ERNESTO VITOLO alle tastiere, GIGI DE RIENZO al basso e AGOSTINO MARANGOLO alla batteria. Questa è anche la band che ha registrato “Nero a metà” di Pino Daniele, il disco più famoso dello scomparso artista napoletano.
“O’ SANGHE” è l’ultimo album di James e dei Napoli Centrale: un nuovo orizzonte su cui volge lo sguardo del sassofonista partenopeo, mai fermo due volte nello stesso punto. All’interno del disco tutti i riferimenti artistici che hanno fatto grande la sua musica, con una rinnovata carica espressiva. Funk, blues, venature jazz, e tanto mediterraneo, tanta Napoli nelle melodie, nelle storie raccontate; vita, lavoro, lotte quotidiane per la sopravvivenza, amore, fede. In “O sanghe” c’è groove da vendere, testi poetici, ricerca musicale ed è uno dei dischi più belli e maturi della band, tanto che ha vinto la Targa Tenco 2016 per il “miglior album in dialetto”.
In apertura la
DRE LOVE Band. Segue Dancehall by MisterFerri DJ & friends

Apertura ore 21,15 - Ingresso 18€ alla porta-(in prevendita ridotto a 15€).

Ven. 10

LATTEX+ presenta TAMA SUMO (Ostgut Ton/Panorama Bar)

Apertura ore 22.30 - INGRESSO € 15 / 10 rid.prevendite

 
 

 

 

Sab. 11

 “Saturday Rock Fever”MONACI DEL SURF + CAPSULA in concerto
I MONACI DEL SURF si formano in maniera misteriosa a Torino intorno al 2010. E’ una band che si presenta sul palco indossando maschere da lucha libre e suonando cover di grandi successi, sigle di programmi televisivi e colonne sonore in chiave Surf Rock. Lo spettacolo è tirato, tutto da ballare e il gruppo ottiene ottimi successi con i concerti. Nel 2012 arriva la proposta della INRI per registrare un disco, cosa a cui i MONACI DEL SURF non avevano pensato, intendendo il progetto come momento esclusivamente live.
Per l’etichetta torinese esce quindi “Monaci del Surf” e due anni dopo “Monaci del Surf II”. Il sound è più Rock del Surf tradizionale, le chitarre sono protagoniste e i brani, quasi tutti strumentali, catturano l’attenzione fino ad ottenere numerosi passaggi radio e l’utilizzo delle loro tracce per trasmissioni come Le Iene di Italia1, come sigle o stacchi.
L’attività live si intensifica grazie anche alle buone recensioni e al riscontro del pubblico. I MONACI DEL SURF vengono quindi scelti come testimonial per il tour della Tequila Josè Cuervo in giro per l’Italia. Fanno 2 volte il giro completo suonando in centinaia di locali, piazze, spiagge e ovunque si riuscissero a montare gli strumenti.
Con scadenza ormai regolare, nel 2016, arriva il terzo capitolo della saga: “Monaci del Surf III”, un disco più maturo, registrato in presa diretta e prodotto da Luca “Lallo” Mangani. Come era stato per i lavori precedenti, anche stavolta i MONACI operano dei cambiamenti allo stile e al look del progetto con la nuova uscita discografica. Questa volta sono scuri, quasi neri, vestiti da banditi di un vecchio West di un universo parallelo. Le maschere sono cambiate, riportano solo il segno rosso degli occhi, come sulla copertina del nuovo album. Dopo aver riposto i loro kimono nel sacro baule i MONACI sono pronti a partire per “Il Terzo Tour”, che passerà anche per la Flog.
I CAPSULA, che suoneranno in apertura, sono una band Rock Garage-Glam-Psichedelica argentina, residente in Spagna, a Bilbao, e attiva dal 1998. Il loro penultino album, “Solar Secrets”, del 2013, è stato prodotto da Tony Visconti (produttore storico di David Bowie e dei T. Rex e di moltissime altre bands) e ha influenze che vanno dagli Who ai Cramps ai Sonic Youth, sull'onda di una Psichedelia senza tempo. Hanno suonato ad alcuni dei più importanti Festival Rock, come il Primavera Sound di Barcellona, il SXSW di Austin, Burgos, Chicago, Madrid. Segue Rockoteca by Folie a Deux

Apertura ore 21.30 INGRESSO € 10 alla porta. (IN PREVENDITA rid.7€ )

Gio. 16

 MATCH DI IMPROVVISAZIONE TEATRALE

Apertura 21.00 INGRESSO € 12 - POSTI A SEDERE

 

Ven. 17

“IRLANDA IN FESTA / ST.PATRICK DAY”:

MODENA CITY RAMBLERS in concerto + DANCEHALL

Parte col botto la ‘due giorni’ di Irlanda in Festa con i MODENA CITY RAMBLERS in concerto
I MODENA CITY RAMBLERS nascono nel 1991 come gruppo di Folk irlandese, innamorati della musica e delle tradizioni dell’isola di Smeraldo. Dopo lo storico demo-tape autoprodotto Combat Folk, nel 1994 esce il primo album, Riportando Tutto A Casa, piccolo e raro caso d’immediato successo a livello underground. E' un disco con cui i RAMBLERS rivendicano un’identità meticcia, fatta di Irlanda ed Emilia, di racconti sulla Resistenza e degli anni ‘60, di viaggi e di lotte. Il disco costituisce tuttora il best seller nella discografia della band, con più di 200.000 copie vendute ad oggi !
Nel 1996 arriva nei negozi il secondo lavoro, La Grande Famiglia. Il suono comincia a cambiare e il Folk si contamina con il Punk e il Rock. Terzo capitolo discografico, nel 1997: esce Terra E Liberta’, fortemente influenzato dai viaggi nel continente latino-americano, dalla lettura e dalla frequentazione di molti scrittori di quelle terre.
Sul finire dell'anno la band suona in Bolivia, a Vallegrande, per le celebrazioni del ventennale dalla morte di Che Guevara, e poi a Cuba, dove si esibiscono in Plaza de la Revolucion davanti a 500.000 persone. Nel 1998, dopo oltre 500 concerti, i RAMBLERS realizzano Raccolti, registrato dal vivo in un pub e completamente acustico. Nel 1999 il gruppo pubblica Fuori Campo e inizia una collaborazione con lo scrittore cileno Luis Sepulveda, che scriverà poi per la band "Una Perfecta Excusa".
Nel 2002 esce Radio Rebelde, prodotto da Enzo "Soulfingers" Rizzo, già dietro il mixer con Mano Negra e Les Negresses Vertes. Nelle sue tracce il Punk, l’Elettronica, il Dub, il Reggae, i ritmi africani, latini e balcanici s’inseriscono sull’originaria base Folk / Popolare in maniera originale ed innovativa.
Poi seguono altre perle come Viva La Vida, Muera La Muerte!, Appunti Partigiani, Dopo Il Lungo Inverno, Sul Tetto Del Mondo, Battaglione Alleato, Niente Di Nuovo Sul Fronte Occidentale, Tracce Clandestine… fino ad arrivare all’ultima fatica, Mani Come Rami, Ai Piedi Radici, che li riporta di nuovo in Tour e che approda puntualmente a Firenze, città che li ha sempre amati e sostenuti sin dall'inizio. E naturalmente alla FLOG, dove il gruppo è di casa e che li ospita da sempre.
Saranno tra i protagonisti di una 2 giorni dedicata alla musica, ai suoni, alle atmosfere e i sapori d'Irlanda. E chi meglio di loro ??

Apertura 21.30 € 13 (11 € Ingresso ridotto in prevendita)

 

Sab. 18

 “IRLANDA IN FESTA / ST.PATRICK DAY”:

WHISKY TRAIL + The LOGUES (Eire) in concerto

I WHISKY TRAIL nascono a Firenze nel 1975 con l’intento di ripercorrere a ritroso la pista del whiskey: la pista che portò milioni di emigranti irlandesi in America. Con l’emigrazione, insieme al whiskey, consolazione di una difficile condizione umana, una grande tradizione musicale aveva fatto irruzione sul territorio americano e attraverso la contaminazione con altre culture e nuove modalità di vita, dette origine a diverse altre forme musicali. I componenti del gruppo, che da quelle forme ed esperienze musicali provenivano, nel ritorno alle origini trovarono qualcosa a loro molto vicino, scoprendo il ricco patrimonio musicale e letterario irlandese come uno dei fondamenti
della cultura europea. Su quel patrimonio i WHISKY TRAIL hanno creato il loro inconfondibile stile musicale che è andato formandosi attraverso i 14 dischi della loro lunga carriera e le centinaia di concerti che hanno tenuto in Italia e all'estero... fino al compimento, nel 2015, del 40° anno di attività, che hanno festeggiato con il nuovo album, il 15°, “Concerto”, frutto di decenni di lavoro e di scavo in una musica così a lungo amata e che ora sono lieti di presentare ai tanti che hanno amato e continuano ad amare la loro musica. I WHISKY TRAIL sono Valentina Corsi voce, harmonium; Vieri Bugli violino, mandola; Luca Busatti chitarra; Stefano Corsi arpa celtica, armonica e voce; Paolo Lamuraglia, chitarra elettrica.
Con loro, gli irlandesi The LOGUES, che scateneranno la pista con una musica ad alto tasso calorico ed alta gradazione alcoolica. Non a caso il riferimento principale del gruppo sono i Pogues. Autori di una musica descritta di volta in volta come ‘psycho celtica’, ‘folk alimentato a whisky’ o come intramontabile ‘musica festaiola’ – comunque sia, The LOGUES hanno un mix di generi tutto loro. In pochi anni, da un piccolo villaggio della Contea di Tyrone, sono divenuti una delle band più stimate e richieste dell’intera Irlanda. La band ha celebrato i suoi primi 10 anni di vita nel 2016 con una lunga serie di concerti, ed ha pubblicato “Comin’ Of Age”, il nuovo album, nella scorsa primavera. Segue
DJ set by LUCILLE e MISTERFERRI

Apertura 21.30 10€ (in prevendita rid.7€+dp)

Ven. 24

CALAFOSCOPA PARTY

QUARTO PODERE in concerto + Dj SET
 

Apertura 22.30 Ingresso 7€ (5€ ingresso ridotto entro le 0.30)

 

Sab. 25

 “Saturday Rock Fever”: ORCHESTRACCIA in concerto.
L’ORCHESTRACCIA è una formazione aperta, nata dall'idea e dalla voglia di attori e cantanti di unire esperienze e confrontarle cercando una forma innovativa di spettacolo, che comprenda musica e teatro in una lettura assolutamente attuale. Partendo dal Folk degli autori romani tra Ottocento e Novecento, l’ORCHESTRACCIA riscopre tutte quelle canzoni e poesie che sono patrimonio della cultura italiana. “Canzonacce” è il nuovo album, 15 tracce dove la tradizione si miscela con sonorità e canzoni nuove. Come nel precedente album anche in questo l’ ORCHESTRACCIA ospita amici che recitano e cantano, Francesco Montanari in “Sole a mezzanotte”, Lele Propizio in “Nun ce vojo stà” e Stefano Fresi nel “Barcarolo romano”.
Il concerto di presentazione del 1 aprile all’Auditorium Parco della Musica è andato esaurito in pochi giorni ed il primo video, “None” interpretato da Lillo (Lillo & Greg è passato in prima pagina su Repubblica e le maggiori testate giornalistiche oltre ad essere inserito in una puntata di Blob su Rai3. Questo "gruppo itinerante Folk-Rock romano”, si compone in modo creativo e disordinato di attori, cantautori, musicisti: Marco Conidi, Edoardo Pesce, Luca Angeletti, Giorgio Caputo e tanti altri si aggiungono, amici artisti e sopraffini musicisti come Gianfranco Mauto, Salvatore Romano, Fabrizio Lo Cicero, Gianluca D’Alessio.
Il primo video del gruppo, “Lella” era interpretato da Vanessa Incontrada, Ambra Angiolini, Sabrina Impacciatore ed Elda Alvigini, ed è stato presentato da Vincenzo Mollica al TG1.
Nel marzo 2014 la band debutta televisivamente in prima serata sostituendo temporaneamente Elio e le Storie Tese come “resident band” di “THE SHOW MUST GO OFF” con Serena Dandini, su “La 7”, e poi partecipa al concertone del Primo Maggio a Roma andando in diretta su Rai3 alle 22. Nel 2014 partecipano anche ad una puntata della nuova serie de I Cesaroni.
Nella stagione 2014/2015 sono stati la band resident del programma radiofonico di Serena Dandini “Stai Serena” su Radio2.
Spotify rivela gli ascolti città per città e “Lella” è la canzone più ascoltata nella capitale (ancora oggi) seguita da “Sona Orchestraccia Sona”, “Santa Nega” a dimostrare la crescita del gruppo ed il consenso ricevuto dal pubblico.
“Ovunque tu sarai” brano dell’album “Canzonacce” inserito nell’omonimo film in uscita ad aprile 2017 con Ricky Memphis, Francesco Montanari, Primo Reggiani, Francesco Apolloni per la regia di Roberto Capucci sarà anticipato da un video musicale di prossima uscita.
L’ ORCHESTRACCIA ha condiviso negli anni il palco con Elio Germano, Edoardo Leo, Marco Bonini, Virginia Raffaele, Diane Fleri, Francesco Montanari, Alessandro Roja, Luca Barbarossa, Vinicio Marchioni, Mauro Meconi, Pino Marino, Lillo (di Lillo e Greg) e Michele Riondino; i loro live sono sempre degli eventi unici, divertenti ma mai superficiali, dove la musica e le parti recitate si fondono perfettamente. Segue Rockoteca MisterFerri & Guests Djs

Apertura porte ore 21,30 – INGRESSO 10 € (in prevendita € 7 +dp)

Gio. 30

 MATCH DI IMPROVVISAZIONE TEATRALE

Apertura 21.00 INGRESSO € 12 - POSTI A SEDERE

 

Ven. 31

 FESTA AZIONE GAY & LESBICA – NECESSARIAMENTE:
Folli danze, con MILLA STRULLA & MISSTAKE DJ’s

Apertura 23.00 10€ (rid.5€ soci AG&L)

 

 

 

Sab 1

“Saturday Rock Fever” – “The DARK SIDE of the MODE” –
Pink Floyd (BREATHE FLOYD) Vs. Depeche Mode (The SNEAKERS) in concerto.

Una notte dedicata a due delle più celebri e mitiche formazioni del Rock.
PINK FLOYD: attivi fino dalla metà degli Anni ‘60, hanno segnato la loro epoca e i decenni successivi con un Rock visionario intriso di Psichedelia, spesso in anticipo sui tempi. Grazie a dischi come The Piper at the Gates of Down, A Saucerful of Secrets, Ummagumma, Atom Heart Mother, Dark Side of the Moon, Wish you were here, Animals, The Wall, con 32 album all'attivo e 250 milioni di copie vendute, i PINK FLOYD sono parte fondante della storia musicale del ‘900. A riproporre il meglio dei PINK FLOYD ci pensano i fiorentini BREATHE FLOYD, nati da pochi anni ma già apprezzati come una delle migliori cover band toscane, impegnati a riproporre una scaletta che spazia tra i più famosi brani del vastissimo repertorio del gruppo.
DEPECHE MODE: nati nel 1980, in piena esplosione New Wave, hanno definito e dato vita alla scena del Synth-Pop e dell'Alternative Dance, approdando a un Pop Rock di largo respiro. Album come A Broken Frame, Music for the Masses, Black Celebration, Exciter, Songs of Faith and Devotion, Violator, sono stati tra i maggiori successi del loro tempo. 23 album incisi e oltre 100 milioni di copie vendute, fanno dei DEPECHE MODE una delle band di maggior successo di sempre.
Ad interpretare la loro musica dal vivo arrivano i torinesi The SNEAKERS, giustamente considerati una delle migliori Tribute Band di Italia; attivi dal ‘95 e richiestissimi sia in Italia che all'estero, sono protagonisti di un live show ricalcato fedelmente su quello dei migliori tour dei Depeche Mode. Lo scontro tra sonorità elettroniche fatte di campionatori, synth e sequencer, e le sonorità decisamente "live" vengono riproposte nelle due ore di spettacolo dagli SNEAKERS, , che spaziano attraverso i 3 momenti fondamentali dei DM, dagli ingenui ma fondamentali esordi degli '80 al decennio successivo (Just Can't Get Enough, Black Celebration, Strangelove, Never Let Me Down Again, Personal Jesus, Enjoy The Silence, Walking In My Shoes, World In My Eyes,) senza dimenticare gli ultimi lavori (Home, It's No Good, Wrong, Angel, Heaven, Soothe My Soul, Should Be Higher) .
Nell’ottobre del 2004 lo show live è stato sottoposto agli stessi Depeche Mode che sono rimasti favorevolmente impressionati, definendo gli SNEAKERS una delle migliori Tribute Band. Segue Rockoteca by Lucille & La Bestia Djs

Apertura ore 21,30 - Ingresso 8€ alla porta - (in prevendita ridotto a 5€)

 

Ven 7

 OUTLOOK FESTIVAL LAUNCH PARTY featuring: MUNGO’s HI FI & YT + NUMA CREW (Full Show Showcase+Guests) + BLAZIN’ + BANPAY CREW + ANDREA MI
Un Party per lanciare l’edizione 2017, la decima, di uno dei più importanti Festival europei: l’OUTLOOK FESTIVAL, happening ambitissimo, dedicato alla nuova dance in salsa Reggae, Dubstep, Electro, Techno, Hip Hop, Ragga, House, Sound System e dintorni, che si terrà come ogni anno in Croazia, tra i boschi e le spiagge dell’Adriatico. Per l’occasione arrivano i MUNGO’s HI FI, al tempo stesso fortissimo Sound System e Team di produttori molto attivo. Nati a Glasgow, attingono alla “old school” dello stile Reggae/Dancehall, che è anche il loro marchio di fabbrica. Un lavoro ispirato dai maestri del genere come King Tubby e Prince Jammy e dai pionieri dei Sound britannici. Fedeli all’etica DIY delle autoproduzioni Reggae, i MUNGO’s HI FI hanno iniziato con il classico rito dell’impianto audio autocostruito, potente e spartano, per allestire il loro sound system ed hanno iniziato a produrre musica in studio di incisione servendosi di un vecchio Atari e di altre macchine vintage. Attualmente fanno parte dei MUNGO’s cinque elementi, devoti alla missione di vita di produrre buona musica e far scatenare in pista i partecipanti alle loro memorabili Dancehall. Negli anni hanno avuto modo di collaborare con nomi mitici del calibro di Sugar Minott e Ranking Joe in Jamaica, Major Lazer in America, Kenny Knots, Solo Banton e Soom T nel Regno Unito.
Con loro sul palco di questo OUTLOOK FESTIVAL i nostri NUMA CREW, freschi di un esordio discografico sulla lunga distanza, pieno di ospiti e con ottimi riscontri ovunque. Sono una delle Crew italiane più attive anche all’estero, dove sono spesso ospiti di vari Club e di alcuni dei principali Festival europei. Per l’occasione si esibiranno con un live set speciale insieme ad ospiti a sorpresa. E poi, ad arricchire ulteriormente il cartellone, di scena anche BLAZIN’, BANPAY CREW e ANDREA MI.

Apertura ore 22.30 - INGRESSO € 12 (IN PREVENDITA + LISTE RID € 9)

 

Sab 8

 “Saturday Rock Fever”FAST ANIMALS AND SLOW KIDS in concerto
I FAST ANIMALS AND SLOW KIDS nascono a Perugia alla fine del 2008: i quattro musicisti frequentano il liceo e suonano in band locali. Decidono di iniziare a scrivere canzoni in inglese e di provare insieme. Dopo aver tenuto qualche concerto e con qualche difficoltà di percorso, scrivono i primi pezzi in italiano nel 2009, poi nel corso del 2010 aprono i concerti di band come Zen Circus, Il Teatro degli Orrori e Ministri, vincendo anche il Contest di Italia Wave Love Festival come “miglior gruppo emergente italiano”.
Dopo una lunga tournée, Andrea Appino (Zen Circus) produce il loro primo album “Cavalli”. Nel dicembre 2013 il singolo “A Cosa Ci Serve” vince il Trofeo Rockit come “migliore canzone italiana dell'anno”, e, contemporaneamente, i FASK vincono anche il premio KeepOn “Rivelazione Live 2013” mentre “Hýbris “ è l'Album Italiano 2013 per i lettori di XL.
“Alaska”, il nuovo e quarto disco della band, esce a fine 2014 e il seguente tour di circa 80 date registra una grande crescita; i FASK sono protagonisti di numerosi sold-out nei più importati live club dello Stivale, suonano anche allo Sziget Festival di Budapest, e le sei selezionatissime ultime date del Tour, a gennaio 2016, vanno tutte esaurite culminando nella data di chiusura all'Alcatraz di Milano con oltrer 2.500 paganti. E arrivano adesso alla FLOG per presentare l’ultimo lavoro, uscito nel febbraio 2017, “Forse non è la felicità”, che sta già riscuotendo consensi unanimi…vedere per credere…  Segue Rockoteca by FOLIE A DEUX

Apertura ore 21.30 INGRESSO € 13 alla porta - (IN PREVENDITA ridotto 11€ )

 

Gio 13

 MATCH DI IMPROVVISAZIONE TEATRALE

Apertura 21.00 INGRESSO € 12 - POSTI A SEDERE

 

Ven 14

 “HIP HOP CULTURE” RANCORE/“The GUSBUMPS Show” + LUCCI (Brokenspeakers) + DJ CRAIM in concerto  + Dancehall + Crazy Kid & Dj Muffa + Breakdance Contest + Live Painting.
“L’Hip Hop non è un semplice genere musicale; oltre che Musica, è Arte, è Ballo, è Passione, è Riflessione e Immaginazione. È ciò che nasce nella strada, nella “fotta” dei ragazzi che se lo sparano in cuffia, e che si evolve nel momento sociale e nell’aggregazione creata da mille serate in locali e centri sociali. È un’Idea, che vive e si propaga nelle strade e nei quartieri di tutto il mondo da diversi decenni; è sangue che “pulsa nelle arterie delle metropoli””.
Un anno fa, con “Support your Local Artist Movement”, è iniziato un percorso di eventi che potessero contribuire alla diffusione consapevole di questa cultura nella nostra città, partendo dal presupposto che, per viverla appieno, fosse giusto innanzitutto ascoltare, conoscere e supportare gli artisti locali, quelli che in questa città operano.
Dopo una serie di serate con importanti ospiti della scena nazionale quali Kaos, Ensi, Egreen e la “banda” GloryHole Records (Ice One, Claver Gold, Diegoh, Brain e Moder), la partecipazione di importanti realtà cittadine quali Mofire Movement, Distretto Sound Pesante, Fi Riders, Antiplastic, Fundanza Family, e le collaborazioni con Gold, Feedback e Ninotchka, la serata sbarca alla FLOG, uno dei locali storici della nostra città, sicuramente il più importante a livello di musica alternativa. E siamo felici, di proporre l’HIP HOP CULTURE a 360° gradi, con l'aggiunta di due ospiti - da Roma - che, al momento, rappresentano tra gli esponenti più validi e riconosciuti della scena italiana underground.

Apertura 19,00 INGRESSO € 10 (ridotto 8€ IN PREVENDITA + LISTE)

 

 

Sab. 15

 “Saturday Rock Fever”: ONE DIMENSIONAL MAN + TODO MODO in concerto.
ONE DIMENSIONAL MAN: il nome della band è ispirato all’opera del filosofo Herbert Marcuse, “L’uomo a una dimensione”, in cui viene denunciata la tendenza della società occidentale ad appiattire l’essere umano alla dimensione di individuo consumatore, privandolo di sogni e aspirazioni diverse dal possesso di nuovi prodotti della società industriale. Il gruppo nasce nel 1996, con Pierpaolo Capovilla al basso e alla voce, Massimo Sartor alla chitarra, e l’indimenticabile Dario Perissutti alla batteria.
Con questo nucleo vede la luce nel maggio del 1997 il loro primo disco. Nel gennaio 2000, dopo un cambio di line-up (entra Giulio Ragno Favero), arriva il secondo disco “1000 Doses of Love” e nel 2001 il terzo album, “You Kill Me”, destinato a diventare il loro lavoro più celebre. Nel marzo 2003 fanno il loro primo tour europeo, che li porta a esibirsi a Berlino, Vienna, Lugano, Bruxelles, Amburgo. Nel 2003 Giulio lascia la band, sostituito da Carlo Veneziano, giovane chitarrista dell’underground trevigiano. A gennaio 2004 tornano in studio per realizzare il quarto album, registrato e missato dallo stesso Giulio Ragno Favero (che continua a collaborare con la band), e arriva quindi “Take Me Away”. Verso la fine del 2005, Dario Perissutti lascia la batteria a Franz Valente, poi nel Il Teatro degli Orrori.
E siamo all'oggi. Il Teatro degli Orrori ha appena terminato un faticoso tour di promozione del suo quarto disco in studio, e Pierpaolo e Franz, con Carlo Veneziano ritrovato dopo una lunga assenza, ridanno vita al progetto di ONE DIMENSIONAL MAN. Provano per due mesi soltanto canzoni nuove di zecca, cercando di rinnovare il sound del gruppo nel segno di un Rock più intransigente che mai. La tournée che si apprestano ad affrontare proporrà proprio queste nuove canzoni, non ancora pubblicate su disco, ma che saranno protagoniste fin da subito della scaletta dal vivo. Sarà un repertorio che vuole ripercorrere le tappe artistiche più significative della storia della band, introducendo però una decina di pezzi che diverranno presto il nuovo sforzo full-lenght di una delle band più arrabbiate e violente della storia recente del Rock italiano.
Gli ONE DIMENSIONAL MAN sono tornati. Più tosti ed incazzati che mai. Lunga vita agli ODM e al Rock'n'Roll !
Insieme a loro i TODO MODO, una nuova Rock band che sta facendo già parlare di se in termini estremamente positivi. E’ una specie di All Stars, nata due anni fa dalla collaborazione tra GIORGIO PRETTE, ex batterista degli AFTERHOURS, il cantautore PAOLO SAPORITI e XABIER IRIONDO, chitarrista e polistrumentista degli AFTERHOURS. 'Prega per Me', secondo album dei TODO MODO, è un personale lavoro di cantautorato italiano e Noise Rock, dai
testi che si svelano lentamente tra melodie cucite su pattern di batteria e stilettate di chitarra. Segue TurboDance con LUCILLE + MISTERFERRI Djs.

Apertura 21.30 INGRESSO € 12 (RIDOTTO € 10 + d.p. IN PREVENDITA)

 

 

 

Ven 21

“VIBRANITE”: SUD SOUND SYSTEM + EBM (Earth Beat Movement) in concerto
Difficile credere che siano passati ormai 25 anni da quel lontano giorno in cui fu ufficialmente dato un nome a un gruppo di ragazzi da poco adulti, che nel Salento si riunivano per creare quelle che sono ancora oggi sono tra le più importanti canzoni World, Reggae, Roots e Dancehall del nostro paese. Finalmente nasce il SUD SOUND SYSTEM, che darà un contributo importante alla storia musicale italiana.
Negli anni hanno ricevuto premi, riconoscimenti, acclamazioni, si sono battuti per la giustizia, per la loro terra, contro le fabbriche che uccidono, contro la mafia, contro il potere di chi vuole solo il proprio tornaconto a scapito degli altri. Ma hanno anche parlato di rispetto, di amore, di gioie, hanno creduto nella speranza, in un futuro migliore e grazie anche a loro abbiamo passato tutti dei momenti indimenticabili attraverso le loro musiche, le loro parole.
Questi 25 anni hanno confermato che è la gente il loro ossigeno, la loro energia, il loro cuore pulsante. Un pubblico sempre più numeroso, più attento e più esigente non è stato mai deluso. Le origini del SUD SOUND SYSTEM risalgono al movimento italiano delle “posse”, considerato oggi – a 15 anni di distanza dal suo nascere e crescere come realtà musicale della scena nazionale – forse l’evento più dirompente e creativo che si sia verificato in Italia negli Anni ’90, musicalmente parlando. Di quel movimento, “antagonista” tanto sul versante musicale che su quello più precisamente sociale, i SUD SOUND SYSTEM sono stati una parte fondante e un’energia propulsiva di prim’ordine.
Il SUD SOUND SYSTEM – composto da un gruppo di amici dai soprannomi significativi, Treble, Don Rico, Dj War, Militant P, GGD e Papa Gianni, - esordisce discograficamente nel giugno del 1991 con il 12 pollici “Fuecu/T’a Sciuta Bona”, provocando un notevole impatto con il mondo musicale italiano, a partire dall’uso del dialetto salentino nel Reggae, dalla freschezza delle trovate musicali, dall’impegno senza retorica dei testi. A testimonianza dei live formidabili di cui sono artefici, i SUD SOUND SYSTEM tra il 1993 e il 2002 condividono il palco con artisti internazionali quali Macka B e Mad Professor, Little Owie, Linton Kwesi Johnson, Asher D, Chubby Rankin, Daddy Freddy, Thriller Jenna, Sweete Irie, Echo Minott, Shabba Ranks, Wailers, Anthony B, Sizzla. Tra il 1993 e il 1994 importanti tours li portano in giro per l’Europa, toccando Francia, Germania Svizzera e Inghilterra. Nandu Popu e Fabio Terron, dopo varie partecipazioni e collaborazioni con il gruppo, entrano a far parte del S.S.S. producendo canzoni come “Me basta lu sule”, “La romanella” e “La vita è misteriosa" che diventeranno cavalli di battaglia.
Nel 1996 esce il loro primo album “Comu Na Petra”, in cui collaborano con alcuni tamburellisti salentini. Con questa esperienza vengono gettate le basi di quel Raggamuffin intriso di Pizzica (TARANTAMUFFIN), che da sempre è caratteristica originale ed imprescindibile del gruppo. Escono poi altri album di grande tiro come “Reggae Party”, “Musica Musica”, “Acqua Pe Sta Terra”, “Live And Direct”, “Dammene Ancora”, “Ultimamente”. Con gli AFRICA UNITE, i SUD SOUND SYSTEM sono la più storica e famosa band di Reggae italiano. E le sorprese non sono finite: dopo aver festeggiato lo scorso anni i loro 25 anni, è in uscita un nuovo album con molte novità che presenteranno dal vivo durante il concerto alla FLOG di venerdi 21 aprile.
EBM / Earth Beat Movement è una band nata nel 2012 in Toscana. Fin da subito, hanno dimostrato una certa passione e predilezione per i ritmi in levare e per la musica Reggae più in generale ma anche per le sonorità Hip Hop che hanno caratterizzato soprattutto le loro prime produzioni. La band è formata da 5 musicisti tra cui la cantante, Irene MisTilla Bisori, che ha all’attivo diverse collaborazioni con artisti della scena Reggae italiana.
Nel 2013 producono il loro primo EP, “EBM”, che contiene otto tracce e li porta a vincere il premio come “miglior band Toscana” all’Italian Wave.
Con una formazione tutta nuova, composta da musicisti provenienti da band come Working Vibes, Roots United e Bomba Bomba gli EBM intraprendono nel 2015 il loro primo tour ufficiale e riescono a portare la loro musica su più di quaranta palchi di tutta Italia. “70 BPM” è il nuovo album uscito a gennaio del 2016 in cui i ritmi Hip Hop si vanno a perdere per lasciare il posto al più classico Beat che contraddistingue la musica Reggae. Segue Reggae Dancehall by JAKA & ANDREA MI

Apertura 21.30 INGRESSO € 13 (RIDOTTO € 10 + d.p. IN PREVENDITA)

 

 

 

Sab 22

 “Saturday Rock Fever”: LA FEMME + RIVA in concerto.
LA FEMME, band francese, pubblicano l’album di debutto “Psycho Tropical Berlin” nel 2013 e da allora la crescita è stata fulminea: vincono i French Music Awards come “migliore nuova band francese” arrivando ai vertici delle classifiche del loro Paese, partono per un tour mondiale che tocca ogni continente, e i loro brani vengono usati nelle campagne pubblicitarie di Apple, Renault e Sonos. Si accorge di loro Jean Michel Jarre, che ne diventa subito fan, e non ultimi, i Red Hot Chili Peppers che li vogliono come opening band ufficiale del loro tour europeo nell’ottobre scorso. Milioni di visualizzazioni su Youtube confermano quanto i parigini LA FEMME siano amati e seguiti in tutto il mondo. Il secondo album “Mystere” esce a fine 2016 e vede la band approfondire il suo sound originalissimo fatto di Psichedelia, Pop francese Anni '60 e sonorità elettroniche di derivazione Anni '80, mix perfetto che attira migliaia di fan ovunque.
RIVA: nell'estate 2015 il polistrumentista Dario Bracaloni e il batterista e visual artist Guglielmo Torelli formano RIVA, un viaggio musicale e visivo che conduce ad un panorama di suggestioni tropicali, combinando Groove moderni ed essenziali con ritmi downtempo ispirati dalla Black Music e da quella sudamericana, arricchiti da melodie e arrangiamenti dal sapore vintage e internazionale.
"Aquarama" è l'album di esordio di RIVA, nove tracce che si muovono su calde e sabbiose superfici vocali, dove suadenti ritmi esotici si librano su profonde linee di basso e chitarre riverberate: una musica costruita sui contrasti, tra malinconia e voglia di fuggire, tra atmosfere moderne e sonorità retrò. Segue Rockoteca by DR.LORENZ & Friends Djs

Apertura porte ore 21,30 – INGRESSO 15 € (RID IN PREVENDITA € 12+d.p.- 10€+d.p. Early Bird)

Lun 24

FESTA AZIONE GAY & LESBICA – NECESSARIAMENTE:
Folli danze, con MILLA STRULLA & MISSTAKE DJ’s

Apertura 23.00 INGRESSO 10€ (rid.5€ soci AG&L)

 

Gio 27

 MATCH DI IMPROVVISAZIONE TEATRALE

 ultimo Match della Stagione: La FINALISSIMA

Apertura 21.00 INGRESSO € 15 - POSTI A SEDERE

 

Ven 28

 ALESSANDRO CORTINI (NINE NINCH NAILS - Hospital Productions / Important Records) Live + ANCIENT METHODS Dj Set
ALESSANDRO CORTINI: maestro della sintesi analogica, militante nelle file dei Nine Inch Nails, è uno dei nomi più ammirati dell’Elettronica mondiale. A partire dal 2013 dà voce ai suoi intimi e avvolgenti esperimenti elettronici, sospesi tra droni, Ambient e atmosfere industriali. L’anno seguente inizia una serie di release sulla Hospital Productions di Prurient, composta per ora dagli album “Sonno” e “Risveglio”. In entrambi non c’è solo l’artista e la sua strumentazione, ma è presente un terzo elemento: lo spazio, il contesto fisico fatto di aria, di suoni e rumori di fondo, che sporcano e scaldano le sequenze dei sintetizzatori. La sua ultima opera, “Avanti”, è un’esperienza malinconica e struggente, in cui i synth di CORTINI diventano meditazione attraverso il suono sulle memorie di una vita, sposandosi alla perfezione con le pellicole vintage riprese in Super 8 dalla famiglia durante la sua infanzia. Suoni e immagini trasporteranno lo spettatore in un labirinto composto dalle memorie di un passato comune, unito al presente grazie alle espressive interpretazioni sonore, puntando avanti, verso il futuro.
ANCIENT METHODS nasce come duo Techno Industrial formato da Conrad Protzmann e Michael Wollenhaupt. Ora è un progetto del solo Wollenhaupt, Con all’attivo solo una dozzina di 12″, dall’esordio discografico nel 2007, ANCIENT METHODS è riuscito a ridefinire il genere creando un suono riconoscibile e aggressivo, che ben presto si afferma in giro per l’Europa (memorabile la sua esibizione al Norbergfestival del 2014). Anche grazie all’esperienza come Dj Resident al Tresor Club di Berlino, ANCIENT METHODS ora è divenuto un nome di culto per gli amanti di un certo tipo di Elettronica che, pur muovendosi in ambito Techno, è ispirata a quello che è stato il movimento Industrial delle origini. Lo stesso Wollenhaupt ha definito la musica creata come Ancient Methods, una sorta di “Pitch Black Techno War Funk“.

Apertura 23.00 INGRESSO 18€ (RID IN PREVENDITA € 15+d.p.)

 

Sab 29

 “Saturday Rock Fever” - STATUTO in concerto.
Gli STATUTO tornano in tour per festeggiare i 25 anni dall’uscita del loro album più famoso “Zighida’”, che esce per la Universal in una nuova versione risuonata con un sacco di ospiti di grande prestigio, uno diverso per ogni brano.
Gli STATUTO, nati nel 1983, presero il loro nome dalla piazza dove si ritrovavano i Mods a Torino, dei quali sono diventati l’espressione musicale anche a livello nazionale. Dopo parecchi concerti ai Raduni Mod in tutta Italia e la pubblicazione di due demo tape (Torino Beat e Nella Città del 1985) e dei primi due singoli, la formazione acquista maggiore popolarità sulla scena Rock italiana e comincia ad esibirsi un po’ in tutta la Penisola. Primi in assoluto in Italia a suonare Ska con testi in italiano, pubblicano il primo album nel 1988, “Vacanze” e nel 1990 il mini-lp “Senza di Lei”, con ospite l’Hammond del celebre JamesTaylor del JTQ. Nel 1991, gli STATUTO pubblicano il singolo “Qui non c’e’ il mare”, e nel 1992 raggiungono il massimo della popolarità nazionale grazie alla partecipazione al Festival di Sanremo con il brano “Abbiamo vinto il Festival di Sanremo”, che si piazza in finale nella manifestazione canora e raggiunge immediatamente la hit-parade dei singoli dove rimane per ben due mesi. Nel marzo dello stesso anno esce l’album “Zighida’” che vende circa 40.000 copie, grazie anche al brano estivo “Piera” presentato al Festivalbar. Nel giugno 1993 esce il singolo “Saluti dal mare”, vera hit estiva presentata anche al Cantagiro e seguito dall’album “E’ Tornato Garibaldi” con testi dai contenuti decisamente impegnati, accolto molto favorevolmente da critica e pubblico. Con 17 album all’attivo e una media di concerti dal vivo che negli anni di fuoco superava i 100 live all’anno, gli STATUTO sono una realtà unica nel panorama della musica italiana, grazie al loro immutato ma non per questo meno evoluto stile mod, alla immediatezza e sfrontatezza dei testi, spesso ironici e sarcastici, aggressivi o umili, con sonorità ora diventate di "moda" che non si limitano al solo Ska, ma passano anche per il Soul e il Beat. Senza mai aver assunto il ruolo delle "star", senza essersi mai allontanati da Piazza Statuto, luogo di partenza e di creazione culturale, ideologica e musicale, sono arrivati al cuore dei loro tanti fan: dal palco dell’Ariston di Sanremo al concerto per i licenziati della Lancia/Fiat, dal Festivalbar al Leonkavallo, dal Cantagiro al concerto in Plaza De La Revoluciòn all’Habana de Cuba, sempre con la massima semplicità e naturalezza. Nel 2013 hanno festeggiato i loro 30 anni di brillante attività pubblicando l'album "Un Giorno di Festa" per la Sony, un disco con 12 inediti di puro Pop/Ska/Soul, entrato direttamente tra i dischi più venduti in Italia. Gli STATUTO sono: oSKAr (voce), Naska (batteria), Alex Bumba (chitarra), Ennio TeenMod (basso)
Segue Ska / Rockoteca

Apertura porte ore 21,30 – INGRESSO 10 € (RID IN PREVENDITA € 8+d.p.)

 

 

 

 

 

PREVENDITE:

BOX OFFICE tel. 055210804 www.boxol.it

 

 COME RAGGIUNGERE L'AUDITORIUM FLOG

 

 

 

WEBMASTER:

atomomob.gif (7704 byte)

  FLOG   MultiMedia

 

Inviare a flogmm@tin.it un messaggio di posta elettronica contenente domande o commenti su questo sito web.